5 per mille - AIRC
5 per 1000

AIRC
Home | Chi siamo | Come aiutarci | Site Map
MENU
5 per mille - sostieni la ricerca

Chi deve presentare il modello 730

La presentazione del Modello 730

La dichiarazione dei redditi non è obbligatoria, ma va presentata solamente in alcune circostanze. Non serve quando la dichiarazione non comporta il pagamento di imposte o perché le stesse sono già state trattenute dal sostituto o addirittura perché si rientra nei casi di esenzione.

La verifica sull'obbligo o sull'esonero di presentazione della dichiarazione dei redditi spetta al contribuente. Chi ha conseguito redditi nel corso del 2016 è tenuto a compilare il Modello 730 e a trasmetterlo all'Agenzia delle Entrate con le modalità indicate. Va tenuto presente che se non sono stare trattenute le addizionali Irpef oppure lo sono state in misura parziale bisogna presentare la dichiarazione, così come accade nel caso in cui siano stati percepiti redditi derivanti dalla locazione di fabbricati attraverso la cedolare secca oppure se il sostituto d'imposta non ha eseguito la trattenuta del contributo di solidarietà.

Nulla vieta a coloro che sono esonerati di procedere con la compilazione e l'invio del Modello 730, solitamente consigliato a chi deve richiedere rimborsi o detrarre spese sostenute nel corso dell'anno solare precedente a quello della presentazione.

L'elenco di chi può presentare la dichiarazione dei redditi

L'Agenzia delle Entrate ha stilato la lista di chi può adoperare il Modello 730:

  • pensionati e dipendenti, inclusi i lavoratori impegnati all'estero il cui reddito viene determinato annualmente con le convenzioni disciplinate da decreto ministeriale;
  • coloro che percepiscono indennità sostitutive del reddito da lavoro dipendente, come le integrazioni o la mobilità;
  • soci delle cooperative di produzione e lavoro, operanti nei settori dei servizi dell'agricoltura, della trasformazione dei prodotti agricoli e della pesca;
  • sacerdoti;
  • le persone che ricoprono cariche pubbliche elettive ad ogni livello;
  • chi svolge lavori socialmente utili;
  • coloro che hanno un contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all'anno;
  • insegnanti con un contratto a tempo determinato;
  • lavoratori in possesso di redditi derivanti da una collaborazione coordinata e continuativa;
  • produttori agricoli senza l'obbligo di presentare una dichiarazione dei sostituti d'imposta.
Chi deve presentare il modello 730?

I soggetti elencati possono scegliere tra il Modello 730 ordinario o precompilato. Quest'ultimo deve essere consegnato all'Agenza delle Entrate o a un Caf.
Per comprendere meglio quali siano le tipologie di reddito a cui riferirsi per decidere se presentare o meno la dichiarazione dei redditi, l'Agenzia delle Entrate ha provveduto a stilare un elenco. I Modelli 730 ordinari o precompilati possono essere compilati dai contribuenti che hanno percepito i seguenti redditi:

  • redditi da lavoro dipendente e assimilati;
  • redditi provenienti da terreni e fabbricati;
  • redditi originati da capitali;
  • redditi provenienti dal lavoro autonomo senza partita Iva;
  • redditi diversi, come ad esempio quelli derivanti da immobili locati all'estero;
  • alcuni redditi da assoggettare alla tassazione separata, facenti parte della sezione II del quadro D del Modello 730.

Gli esonerati dalla presentazione del 730

A meno che il contribuente non debba restituire, anche solo parzialmente, il bonus Irpef per cui vi è l'obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi, si è esenti nel caso ci siano solamente questo tipo di redditi:

  • abitazione principale con le pertinenze e fabbricati non messi a regime di locazione;
  • lavoro dipendente o pensione;
  • lavoro dipendente con abitazione principale, pertinenze e fabbricati non messi a regime di locazione;
  • lavoro a progetto e collaborazione coordinata e continuativa;
  • redditi in esenzione dal pagamento delle tasse come le rendite erogate dall'Inail per invalidità o decesso, borse di studio, pensioni di guerra, indennità di accompagnamento e prestazioni simili;
  • redditi soggetti all'imposta sostitutiva;
  • redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta: vale per gli interessi sui conti correnti e postali.

Fanno eccezione le proprietà immobiliari i fabbricati non locati presenti nel medesimo comune in cui si trova l'abitazione principale. Queste vanno dichiarate, quindi non vale l'esenzione.

Casi di esonero legati ai limiti di reddito

Se si hanno redditi sotto determinate soglie non si deve presentare la dichiarazione dei redditi.
Condizioni e limiti:

  • per i terreni e fabbricati il tetto massimo è di 500 euro;
  • lavoro dipendente o assimilato e attività lavorative non inferiori a 365 giorni entro gli 8 mila euro;
  • pensioni entro i 7.500 euro;
  • pensione con terreni e immobili non superiori a 7.500 euro per la pensione e 185,92 euro per le proprietà;
  • pensione con altri redditi non devono superare gli 8 mila euro;
  • assegni ricevuti dal coniuge, ad eccezione del mantenimento dei figli, entro i 7.750 euro;
  • redditi assimilati al lavoro dipendente entro i 4.800 euro;
  • compensi per lo svolgimento di attività sportive a livello dilettantistico che non superino i 28.158,28

L'esonero dalla compilazione del 730

Senza l'obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi sono inoltre le persone non tenuti ad avere scritture contabili e i cui redditi non prevedano il pagamento di un'imposta maggiore di 10,33 euro.


GUARDA GLI ESEMPI
Modello 730
279 KB pdf 138Kb
5 per mille promemoria
5 per mille scadenze