5 per mille - AIRC
5 per 1000

AIRC
Home | Chi siamo | Come aiutarci | Site Map
MENU
5 per mille - sostieni la ricerca

Il calendario fiscale per il modello 730

Si avvicina il termine per la presentazione del modello 730 per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi. Questa particolare pratica fiscale riguarda tutti i lavoratori dipendenti e i pensionati che debbano compilare la propria dichiarazione dei redditi relativa all'anno 2015.

Il calendario fiscale per il modello 730 è fitto di date e appuntamenti da non dimenticare assolutamente, per non incorrere in sanzioni e multe dovute all'omissione o alla presentazione in ritardo dello stesso.

Modello 730 calendario fiscale

La prima data del calendario fiscale relativo al modello 730 è il 1 febbraio. Infatti entro questo termini tutti i medici e le strutture che operano in ambito sanitario hanno l'obbligo di inviare all'Agenzia delle Entrate tutti i dati che serviranno ad elaborare il modello 730. In questo modo il Fisco può avere il tempo necessario per la corretta compilazione delle pratiche. Questa data è solo la prima scadenza improrogabile di una lunga serie.

I dati da comunicare al Fisco da parte di medici e strutture sanitarie riguardano tutte le spese mediche sostenute dai contribuenti nell'arco dell'anno 2015, oltre a tutti i rimborsi relativi ad eventuali prestazioni sanitarie erogate completamente o in parte. L'invio di questi dati al Sistema Tessera Sanitaria è abbastanza semplice, poiché avviene direttamente via internet. I professionisti che devono provvedere all'invio della documentazione per il modello 730 sono tutti i medici regolarmente iscritti all'Ordine, gli odontoiatri, le strutture che operano nella Sanità, sia pubbliche che private, purché facenti parte del Servizio Sanitario Nazionale, e tutte le farmacie, anche queste sia pubbliche che private.

Altra scadenza è quella del 29 febbraio, riguardante banche e assicurazioni, oltre ad altri intermediari che devono necessariamente comunicare questi dati all'Anagrafe Tributaria. Si tratta di tutta una serie di enti e organizzazioni che si occupano di istruzione, come le Università, le agenzie funebri e le ditte edili che hanno effettuato ristrutturazioni o adeguamenti per migliorare l’efficienza energetica. Infatti chi ha affrontato queste spese ha diritto a un rimborso. Le banche che hanno ricevuto i relativi bonifici trasmetteranno tutti i particolari all'Agenzia delle Entrate per poter erogare questi bonus. Tutta la procedura è comunque spiegata in modo molto chiaro in un provvedimento emanato direttamente il 23 dicembre 2015 dall'Agenzia delle Entrate.

Tocca invece ai sostituti di imposta trasmettere la Certificazione Unica 2016 entro e non oltre il 7 marzo, sempre all'Agenzia delle Entrate. Grazie a questo documento sarà possibile calcolare la cifra dovuta dal contribuente riguardo l'imponibile Irpef, o eventuali rimborsi.

A partire dal 15 aprile poi è possibile scaricare il modello 730 precompilato sul sito web che l'Agenzia delle Entrate ha creato appositamente ad uso dei contribuenti. Per accedere al sito, bisogna collegarsi all'area riservata personale con il codice PIN attribuito dall'INPS. In alternativa, è anche possibile affidarsi ad un Caf o a un professionista abilitato a questo compito, o ancora, al sostituto d'imposta. Il 730 precompilato potrà essere inviato a partire dal 2 maggio, comprese tutte le eventuali integrazioni o modifiche del caso.

Un'altra data importantissima per quanto riguarda il calendario fiscale del modello 730 è rappresentata dal 7 luglio. E' proprio questa ad indicare l'ultimo giorno utile per trasmettere il modello 730 agli organi competenti, sia che si tratti del 730 ordinario che di quello precompilato.

Potrebbe succedere poi di dover fare una rettifica al modello 730, a causa di un maggior debito o un minor credito da parte del contribuente. In entrambi i casi, la situazione si risolve presentando un particolare modello, l'Unico Persone Fisiche 2016, che riporta tutte le variazioni e le correzioni al primo modello 730 presentato, entro il 30 settembre.

Per il 730 integrativo, va ricordato il 25 ottobre come scadenza, per comunicare variazioni di debito o credito. Infine, il 730 rettificativo, nel caso in cui chi ha compilato il modello 730 per il contribuente, ovvero il sostituto d'imposta, il professionista abilitato o il Caf, deve essere necessariamente presentato entro il 25 ottobre, così da non incorrere in ulteriori sanzioni.



GUARDA GLI ESEMPI
Modello 730
279 KB pdf 138Kb
5 per mille promemoria
5 per mille scadenze