5 per mille - AIRC
5 per 1000

AIRC
Home | Chi siamo | Come aiutarci | Site Map
MENU
5 x mille - Sostieni la ricerca

Tutte le novità del 5 per mille 2016

Come ogni anno e quindi anche per il 2016, quando si parla di dichiarazione dei redditi non si può evitare di discutere della cosiddetta Legge di stabilità aggiornata nel dicembre 2015, la quale dispone i principi da osservare per la formazione del bilancio dello Stato.

Le principali novità introdotte riguardano le pensioni anticipate, l'abolizione della TASI sulla prima casa e dell'IMU per gli agricoltori, il pagamento del canone RAI sulla bolletta della luce e Bonus mobili.

Tale legge ha confermato la devoluzione del 5 per mille 2016 sul reddito IRPEF (Imposta sul reddito delle persone fisiche). Si tratta di uno strumento che permette ad ogni cittadino di destinare parte del suo reddito complessivo ad associazioni di volontariato senza scopo di lucro oppure ad enti la cui attività è rivolta alla ricerca sanitaria, scientifica e dell'università.

5 per mille 2016

Oltre agli enti di volontariato possono registrarsi all'elenco dei beneficiari anche le associazioni sportive, atte a svolgere la formazione sportiva di giovani che non hanno ancora raggiunto la maggiore età oppure fanno praticare sport agli adulti di età superiore a 60 anni e ai soggetti che si trovano in determinate condizioni psico-fisiche ovvero situazioni socio-familiari piuttosto complicate.

In base alla categoria di appartenenza, i soggetti beneficiari del 5 per mille vengono inseriti in elenchi distinti e separati.

I contribuenti possono scegliere la destinazione del 5 per mille consegnando i modelli fiscali (CU, Modello 730 e Modello unico per le persone fisiche) entro i limiti fissati dalle scadenze fiscali 2016:

  • Il termine ultimo per la presentazione della Certificazione Unica (CU, ex modello CUD), che viene rilasciata dal datore di lavoro, è previsto per il 29 febbraio 2016 oppure entro 12 giorni dalla chiusura del rapporto lavorativo.
  • Per quanto riguarda il modello 730, in quanto è il dipendente che si impegna a consegnarlo al datore di lavoro entro il 30 aprile 2016 o entro il 31 maggio se si rivolge ad un intermediario competente ed autorizzato.
  • Il Modello Unico per le persone fisiche, il quale permette di fare contemporaneamente più dichiarazioni fiscali, deve essere presentato a partire dal 2 maggio fino al 30 giugno tramite una banca o un ufficio postale; invece, entro il 31 luglio se la presentazione avviene per via telematica od attraverso un ente intermediario.

Le organizzazioni che possono beneficiare dai proventi del 5 per mille 2016 sono quelle che hanno presentato domanda di inscrizione all'elenco cinque per mille, come previsto dalla normativa.

Tutti gli enti che intendono presentare domanda di inscrizione possono farlo, partendo dal 26 marzo, tramite il sito dell'Agenzia delle Entrate, usufruendo dei servizi telematici Entratel oppure Fisconline. Sono accettate solo le richieste avvenute per via telematica.

Nel sito dell'Agenzia delle Entrate si possono trovare tutte le istruzioni e le informazioni utili alla compilazione della domanda di iscrizione. I termini entro i quali è possibile presentare domanda scadono il 7 maggio mentre è possibile fare delle integrazioni entro il 30 settembre, a seguito del versamento di una sanzione il cui ammontare è pari alla cifra di 258 euro.

Per l'anno in corso sono tenuti ad inviare domanda anche gli enti che l'hanno inviata nell'anno precedente. Per confermare l'avvenuta iscrizione viene rilasciata una ricevuta, la cui, oltre ad attestare la ricezione della domanda ne riepiloga anche i dati.

Scopri come destinare il tuo 5 per mille alle ricerca sul cancro:

GUARDA GLI ESEMPI
Modello 730
279 KB pdf 138Kb
5 per mille promemoria
5 per mille scadenze