5 per mille - AIRC
5 per 1000

AIRC
Home | Chi siamo | Come aiutarci | Site Map
MENU
5 per mille - sostieni la ricerca

5 PER MILLE. CHE COS’È?

A partire dalla Legge Finanziaria del 2006, lo Stato ha stabilito di destinare - a titolo sperimentale - in base alla scelta del contribuente, una quota pari al 5 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche a finalità di sostegno di particolari enti no profit, di finanziamento della ricerca scientifica, universitaria e sanitaria.

Sin dal primo anno della sua prima applicazione il 5 per mille viene immediatamente recepito dai contribuenti, superando abbondantemente le stime di 270 milioni. Nel 2006 il 5 per mille certificato dall’Agenzia delle Entrate è, invece, di 328 milioni.

Cos'è il 5 per mille?

Con la finanziaria del 2007 scompaiono i Comuni tra i beneficiari, mantenendo soltanto le onlus, le associazioni e gli istituti per la ricerca scientifica e sanitaria, inoltre viene fissato un tetto massimo pari a 250 milioni di euro. Nel 2009 vengono ammesse le associazioni sportive dilettantistiche, nel 2010 il tetto massimo si alza a 400 milioni di euro e dall’anno scorso si può decidere di destinare il proprio 5 per mille a tutte quelle attività per la valorizzazione e la promozione dei beni culturali e paesaggistici.

Il cinque per mille è una forma di finanziamento che non comporta oneri aggiuntivi al contribuente, dal momento che questi, tramite la compilazione dell’apposita sezione nella dichiarazione dei redditi, sceglie semplicemente la destinazione di una quota della propria IRPEF. Il contribuente che decide di destinare la propria quota di 5 per mille deve firmare in uno dei 6 riquadri (volontariato e organizzazioni di utilità sociale; ricerca scientifica e università; ricerca sanitaria; attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici; attività sociali svolte dal comune di residenza e associazioni sportive dilettantistiche;)che figurano sui modelli di dichiarazione dei redditi (7e30, modello Unico PF, CUD) e indicare il codice fiscale del singolo soggetto (ente, associazione, onlus…) a cui ha deciso di destinare direttamente la quota del 5 per mille. I codici fiscali dei soggetti ammessi al beneficio sono consultabili negli appositi elenchi pubblicati sul sito web dell’Agenzia delle Entrate.

IRPEF

L'imposta sul reddito delle
persone fisiche
, (abbreviata
in IRPEF), è un’imposta
personale, diretta e
progressiva (varia a seconda
del reddito del contribuente).
Istituita con la riforma del
sistema tributario del 1974,
rappresenta un terzo del
gettito fiscale destinato allo
Stato.

PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ

Il principio di sussidiarietà
stabilisce che le attività
amministrative dovrebbero
essere svolte dall’ente
territoriale più vicino ai
cittadini. La sussidiarietà
verticale
si ha quando sono
gli enti pubblici a soddisfare
i bisogni del cittadino; in
quella orizzontale invece
sono gli individui stessi ad
adempiere alle proprie
necessità.

IL TERZO SETTORE

Con il termine terzo settore
ci si riferisce ad un complesso di soggetti organizzativi privati che si occupano della produzione
di beni e servizi per la collettività (associazioni di promozione sociale, associazioni di volontariato, cooperative sociali, ecc.).